Un eremo nella neve
di Tullio Bernabei - Alessandro Beltrame

produzione: AGB Studio Video

(prodotto per Geo&Geo - RAI - ed. 2005)

La Maiella è storicamente la Montagna Madre, dove natura e religiosità si miscelano come in pochi altri luoghi.

La presenza di numerosi eremi e altrettanti personaggi eremitici ne è una testimonianza diretta: durante la buona stagione turisti ed escursionisti raggiungono in massa questi luoghi dello spirito. Ma spesso si dimentica che molti eremiti ci vivevano anche d'inverno, quando la montagna assume tutto un altro aspetto: con la neve, il gelo, le bufere gli stessi luoghi diventano lontani, quasi irraggiungibili, isolatissimi. Certamente duri.

Il documentario racconta la storia di una piccola spedizione invernale, realizzata di proposito con le condizioni più difficili (cadrà oltre un metro di neve in 36 ore), il cui obiettivo è raggiungere lo sperduto Eremo di San Giovanni all'Orfento e lì bivaccare. Il sito presenta difficoltà di accesso anche d'estate a causa del ripido versante in cui si apre e soprattutto di uno stretto passaggio scavato nella parete rocciosa, che aveva scopi difensivi.

I componenti della spedizione sono Tullio Bernabei e Alessandro Beltrame, autori del documentario ed alpinisti, ed alcuni amici tra i quali degli agenti del Corpo Forestale dello Stato che lavorano sulla Maiella. Anche per loro si tratta di un tentativo mai fatto, di una prima assoluta che è anche una scommessa: quella di trovare nel bosco innevato il punto giusto che porta al passaggio chiave sulla parete.

Il gruppo si muove con sci e racchette da neve, immerso in un ambiente sempre più bianco, orientandosi con bussola, cartine e gps. Tullio commenta spesso in presa diretta e spiega quello che avviene.

Alla fine, quando già si fa notte e ogni speranza di trovare il passaggio giusto sembra persa, il forestale più esperto riesce nell'impresa. Un freddo bivacco nella grotta ghiacciata precede il nuovo giorno, quando l'eremo appare in una cornice che nessuno ha mai visto negli ultimi secoli. Il gruppo riesce a farsi strada lungo l'esile camminamento e raggiungere il piccolo eremo: un luogo straordinario ed emozionante, dove si apprezzano ancora di più il lavoro di adattamento realizzato nel tempo e la tempra degli uomini che ci hanno vissuto, a cominciare dal famoso Pietro l'Eremita, noto anche come Celestino V.

Tullio riflette sull'intera impresa e sulle differenze tra le condizioni tecniche e spirituali tra noi, equipaggiati di tutto punto, e i vecchi frequentatori della Montagna Madre.

Video Clips
Click per visualizzare il filmatoClick per visualizzare il filmatoClick per visualizzare il filmatoClick per visualizzare il filmatoClick per visualizzare il filmatoClick per visualizzare il filmatoClick per visualizzare il filmatoClick per visualizzare il filmato

PhotoGallery


CameramanWalkNeveEremoSanGiovanniLogoParcoCorpoForestaleBKStageTuxTalkAleMakingVideoAvanzamentoNeve_c_1_EremoInternoEremoSanGiovanni2Carramanico
 
Collegamento alla Home Page